Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Morbi eu nulla vehicula, sagittis tortor id, fermentum nunc. Donec gravida mi a condimentum rutrum. Praesent aliquet pellentesque nisi.

Blog

HomeNewsTriplo brindisi per la riserva di Verdicchio Rincrocca 2016

Triplo brindisi per la riserva di Verdicchio Rincrocca 2016

Triplo brindisi per il Castelli di Jesi Verdicchio Riserva Docg Classico “Rincrocca” 2016 della cantina La Staffa. Il vino dell’azienda di Staffolo è stato giudicato tra i migliori vini d’Italia da tre delle più autorevoli guide enologiche nazionali che saranno presentate al pubblico nelle prossime settimane.

La guida “Bibenda 2020” della Fondazione Italiana Sommelier, che da oltre 20 anni è punto di riferimento per gli amanti del vino e ha valutato oltre ventinovemila bottiglie provenienti da tutta Italia, ha assegnato alla Rincrocca 2016 i Cinque Grappoli, premio riservato alle produzioni d’eccellenza. Massimo riconoscimento per la riserva di Verdicchio de La Staffa anche sulla guida “Vinibuoni d’Italia” del Touring Club Italiano, che ha assegnato al vino la Corona attribuita alle bottiglie migliori secondo gli 80 degustatori professionisti impegnati in assaggi alla cieca. Un gradimento confermato in occasione delle degustazioni finali di Vinibuoni d’Italia anche da operatori, giornalisti, sommelier e wine lovers chiamati ad assegnare la Corona del pubblico alle produzioni più convincenti. Il tris di riconoscimenti per la Rincrocca 2016 è arrivato dalla guida di Slow Wine 2020, che l’ha inserita tra i “Vini Slow”, quelli in grado di eccellere riuscendo a condensare nel bicchiere le migliori espressioni a livello territoriale, storico e ambientale.

Ricevere questi riconoscimenti da tre guide così importanti – commenta il titolare Riccardo Baldiè una soddisfazione grandissima e la conferma che Staffolo con le sue caratteristiche distintive sta diventando uno dei terroir più apprezzati dagli amanti dei vini bianchi capaci di sfidare il tempo. La 2016 è la riserva di Verdicchio più convincente tra quelle che ho prodotto nei miei primi dieci anni da vignaiolo, ma spero sia un risultato provvisorio, perché la voglia di migliorare ulteriormente è tanta e questa terra mi sta dimostrando ogni giorno le sue grandissime potenzialità”.

Scopri di più sul vino premiato

No Comments

POST A COMMENT